EN
Categorie
EN

News

I diabetici sono suscettibili a nuove infezioni da virus

Tempo: 2020-02-20 Colpi: 145

Dalla fine di dicembre 2019, a Wuhan è scoppiata una grave polmonite di epidemiologia sconosciuta. A gennaio 2020, la causa della polmonite è stata determinata essere un nuovo coronavirus. I casi totalmente confermati nella Cina continentale avevano raggiunto 74,282 entro la fine del 19 febbraio, e tra questi, 14,770 pazienti sono stati curati.


La Cina ha intensificato gli sforzi per frenare la diffusione del nuovo coronavirus. Molte delle ricerche sul nuovo coronavirus sono state ottenute contemporaneamente. Secondo la rivista cinese di epidemiologia segnalata, entro l'11 febbraio, su 44,672 casi confermati, il 10.5% per i pazienti con malattie cardiovascolari, diabete (7.3%), ipertensione (6.0%).


Grandi fluttuazioni dei livelli di glucosio nel sangue possono indebolire le difese del sistema immunitario del diabetico come diminuire il numero di cellule T CD3 +, squilibrare il rapporto tra cellule T CD4 + / CD8 +, ridurre l'attività delle cellule NKT. Le linee guida sulla prevenzione dei vaccini e il trattamento dell'influenza stagionale emesse dal CDC (americano) e dal Comitato consultivo sulle pratiche di immunizzazione (2013-2014) hanno sottolineato che le persone con malattie metaboliche (diabete) sono ad alto rischio di epidemia. Le precedenti linee guida per la diagnosi e il trattamento dell'epidemia emesse dalla Commissione sanitaria nazionale (edizione 2011) indicavano che i pazienti con malattia cronica hanno maggiori probabilità di sviluppare casi gravi dopo l'infezione da influenza.


Pertanto, i diabetici sono suscettibili alla nuova infezione da coronavirus.


Il virus potrebbe causare un danno duraturo al corpo umano e i diabetici, insieme all'infezione epidemica, potrebbero portare a un'iperglicemia incontrollabile, che aggrava ulteriormente l'infezione, trasformata alla fine in un circolo vizioso.


Quel che è peggio, l'ipoglicemia è anche una complicanza potenzialmente grave del diabete. Se il danno dell'ipoglicemia è calcolato in anni, il danno dell'ipoglicemia deve essere contabilizzato in pochi minuti.


Per soddisfare le esigenze di prevenzione dell'epidemia, i diabetici devono rimanere a lungo a casa, le attività all'aria aperta sono drasticamente ridotte e anche insieme a una dieta irregolare. Questi cambiamenti possono aumentare le fluttuazioni del livello di glucosio nel sangue.


Per i pazienti con T2DM, in particolare i pazienti più anziani (oltre 70 anni), l'ipoglicemia è sempre accompagnata da ampie fluttuazioni della glicemia e l'aumento delle fluttuazioni della glicemia potrebbe anche portare a ipoglicemia asintomatica, ipoglicemia grave e ipoglicemia notturna.


Pertanto, il punto chiave della gestione del diabete durante la nuova epidemia di coronavirus è rafforzare l'educazione dei pazienti diabetici, svolgere un buon lavoro di autoprotezione a casa, ridurre il più possibile il rischio di infezione e gestire bene il livello di glucosio nel sangue. , segui una dieta sana e l'ora di andare a dormire / alzarsi.


Limitare il movimento delle persone, evitare il contatto ravvicinato con estranei, lavarsi le mani / indossare maschere ad alta frequenza può aiutare a frenare efficacemente l'epidemia.