EN
Categorie
EN

Colloqui sul diabete

Come nasce il diabete?

Tempo: 2019-08-23 Colpi: 378

   È generalmente accettato che la maggior parte del diabete di tipo 2 sia causata da stili di vita malsani. Più specificamente, le persone mangiano meglio e fanno meno esercizio fisico. Tale comportamento può causare problemi: un'eccessiva assunzione di calorie non può bruciarsi ma accumularsi nel corpo, convertito in glucosio, quando c'è sempre più glucosio nel sangue, l'isolotto umano secernerà automaticamente più insulina per l'utilizzo del glucosio.


   Ma quando l'isolotto lavora troppo, le persone non lo sanno, mangiano anche di più, meno esercizio fisico, se le cose vanno avanti così, l'isolotto sopraffatto, non secerne più insulina quando lo zucchero nel sangue aumenta naturalmente.


   Il diabete si verifica quando i livelli di glucosio nel sangue aumentano fino a un certo punto.


   Espresso in concetti medici, il diabete è una malattia cronica, un disturbo del metabolismo del glucosio causato dalla mancanza di insulina o resistenza all'insulina, accompagnato da un disturbo del metabolismo di grassi, proteine, acqua ed elettroliti caratterizzato da iperglicemia cronica.


  Con il diabete, le persone possono manifestare sintomi come "tre poligoni e uno piccolo" ----- mangiare di più, bere sempre più urina e perdere peso. Ma molte persone non hanno questi sintomi. Quindi, non pensare che "avere un buon appetito" sia "una buona condizione fisica".


  Appendice: criteri diagnostici per il diabete

Criteri diagnostici

Livello di glucosio nel plasma venoso (mmol / L)

Sintomi tipici del diabete (polidipsia, poliuria, eccesso di cibo, perdita di peso) più casuali

test della glicemia

11.1

Glicemia a digiuno

7.0

2 ore di glicemia postprandiale

11.1

Nessun sintomo di diabete, deve essere ripetuto

esame



  Nota: la glicemia a digiuno si riferisce ad almeno 8 ore senza assunzione di cibo; glicemia casuale significa senza considerare l'ora dell'ultimo pasto e quindi non può essere utilizzata per diagnosticare una ridotta glicemia a digiuno o una ridotta tolleranza al glucosio.